lunedì 19 marzo 2018

Uber sospende i test delle auto a guida autonoma dopo l'incidente mortale di un pedone

Uber ha sospeso i test delle auto a guida autonoma dopo l'incidente avvenuto durante la notte (19 marzo)
Una donna in piena notte ha attraversato la strada in una zona di Tempe(Arizona) dove non erano presenti le strisce pedonali, l'auto a guida autonoma l'ha investita e le ha provocato ferite mortali.

Non ci sono molti dettagli sull'accaduto,ancora le indagini sono in corso ma il pilota che doveva "assistere" la guida autonoma e frenare in caso di emergenza non è riuscito a fare nulla, la donna è stata soccorsa ma è morta poco dopo in ospedale.

Per ora non ci sono molti dettagli sull'accaduto, su twitter è presente un messaggio di cordoglio da Uber che ha interrotto i test e sta collaborando con le autorità locali per verificare le proprie responsabilità.



Via

martedì 20 febbraio 2018

Come disattivare il servizio a pagamento Scandalroom






Quotidianamente, il web ci mostra una quantità sempre maggiore di pubblicità sotto forma di banner e immagini cliccabili che, solitamente, rimandano ad un altro sito, o piattaforma, con l’intento di vendere il proprio servizio. Uno dei casi più comuni è quello dei cosiddetti servizi in abbonamento non richiesto e, in questo articolo, ci occuperemo in particolare di uno di questi: Scandalroom.it

Continuando a leggere, potrete quindi avere tutte le informazioni necessarie per disattivare il servizio in abbonamento Scandalroom, una piattaforma in cui trovare numerose notizie sul mondo dello spettacolo, su gossip, attualità e una sezione dedicata all’oroscopo.

Se navigando su Internet, molto probabilmente con il vostro smartphone, avete attivato l’abbonamento Scandalroom, nel momento in cui non vorrete più usufruire del servizio (oppure lo avete attivato per sbaglio) potrete disattivarlo in tre modi diversi: vediamo quali.

Il primo modo per cancellare l’abbonamento a Scandalroom è quello di inviare un’email all’indirizzo info@disattivami.it: il testo della mail dovrà contenere la richiesta scritta di annullamento del servizio e il numero di cellulare per la quale è stata fatta la richiesta di disattivazione.

In alternativa, potrete richiedere la disattivazione di Scandalroom.it attraverso il servizio di customer care, telefonando al numero 011 19821801.

Ancora, un’ultima modalità messa a disposizione per l’eliminazione dell’abbonamento a Scandalroom la trovate direttamente sul sito Disattivami.it, all’interno del quale è presente un box, sulla destra, con il logo Scandalroom e un grosso bottone DISATTIVA. Cliccandoci sopra, vi si aprirà automaticamente la procedura guidata che, in pochi passaggi, vi permetterà di disattivare Scandalroom.it.   

sabato 27 gennaio 2018

Telegram X è arrivato! Ecco di cosa si tratta e le nuove funzionalità

Telegram, come aveva promesso, ha fatto approdare sul Play Store e nell'App Store, una nuova versione, migliorata e ottimizzata della famosa app di messaggistica istantanea.
Tante sono le novità: dalle animazioni alla fluidità: nuove schermate, nuove impostazioni... insomma, andiamo a vedere tutte le novità ma soprattutto a scoprire cos'è questo nuovo Telegram, denominato X!





Innanzitutto una volta scaricata ed aperta l'app (sotto a tutto i rispettivi download dei vari store), essa si presenta con questa schermata (di default sarà bianca, ma ho messo il tema Night Blue):





Come possiamo notare, l'immagine di profilo, se fatto uno slide da sinistra verso destra, come per andare nelle impostazioni, risulterà come in una sorta di "copertina", apparendo più grande (immagine sopra, a sinistra). Mentre nell'immagine di destra possiamo notare una nuova modalità per avviare una chat, creare un nuovo gruppo, canale o chat segreta. Il tutto quindi con un design più elegante.

Per quanto riguarda il menù delle impostazioni, esso rimane pressoché simile alla versione "standard" di Telegram, offrendo però qualche nuova voce, come la modalità Bubble, che ci permette di avere le conversazioni in chat o i contenuti nei canali sottoforma di "bolle". Oppure, ancora: la possibilità di registrare videomessaggi in qualità HD oppure no.





Per quanto riguarda le chat e il menù degli allegati, le cose cambiano e non di poco: nuova animazione per gli audio e nuovo design accompagnano la nuova versione di Telegram X. Il tutto si presenterà in questa nuova veste:






Insomma, per il resto Telegram X si presenta davvero simile a Telegram. In ogni caso la domanda che sicuramente vi è venuta in mente è stata: "ma perchè creare questa nuova versione?" e la risposta è la seguente: la versione X presenterà più fluidità e design più curato della versione standard dell'applicazione. Inoltre è in Beta (non è ancora presente la lingua italiana, ma arriverà sicuramente) e riceverà in anteprima aggiornamenti e funzionalità che verranno testate da chi utilizzerà questa versione X.
Quasi sicuramente in futuro, appena Telegram X sarà stabile, potrebbe sostituire la versione standard che la maggior parte degli utenti utilizzano, ma ci vorrà ancora un po'; infatti la versione X ha ancora abbastanza bug da risolvere e un miglioramento delle prestazioni.

Vi lasciamo infine a qualche altro screen di Telegram X e ai rispettivi download:


 

 





Download Telegram X:
Android: QUI
iOS: QUI




sabato 20 gennaio 2018

Come risolvere il problema del tethering non funzionante su Windows 10

Un interessante video su youtube pubblicato sul canale Rohan Reloaded ci spiega come risolvere senza troppe difficoltà il problema relativo al tethering non funzionante correttamente sui pc con windows 10.

PROBLEMA
In molti casi collegando il cellulare al pc e attivando il "tethering USB" non solo non funziona o funziona male ma va a bloccare il "centro connessioni di rete e condivisione" non permettendo il funzionamento dello stesso (se aperto windows indicherà che la finestra non risponde..)

SOLUZIONE
1) Il problema è causato da un driver incompatibile quindi per rimuoverlo bisognerà aprire sul pc "gestione dispositivi" (col cellulare collegato)

2) Reinstallare il driver "Remote NDIS based internet sharing device"
(driver>aggiorna driver>cerca il software del driver nel computer>scegli da un elenco di driver disponibili nel computer)

3) A questo punto togliamo la spunta da "mostra hardware compatibile" quindi selezioniamo "Microsoft" nella lista del produttore a sinistra e completiamo nella lista di destra selezionando "scheda RNDIS6 USB"

4) Cliccando avanti il driver verrà installato (potrebbe chiedervi conferma)


 Riepilogo dei passaggi a video (in inglese)



RNDIS